AmorBimbi, dal Molino Moras la farina per la seconda infanzia...e non solo


Ci sono alimenti che popolano le nostre credenze e che spesso vengono acquistati senza dare grande importanza alle loro caratteristiche specifiche. Così è per la farina la quale, tuttavia, durante la pandemia da Covid-19 ha riacquistato un ruolo centrale nell’alimentazione come in tempi passati. Un ruolo che è stato trascurato, dimenticato, molte volte incompreso ma che oggi è stato per molti aspetti riabilitato.


Preparare il pane in casa, i dolci, la pizza, la pasta ha determinato, infatti, un ritorno all’arte bianca ed allo studio delle tecniche degli impasti e delle materie prime.


E’ stato di fatto restituito il giusto valore a quel pacchetto del peso di un chilo, all’interno del quale si cela quasi un anno di lavoro. C’è davvero moltissimo lavoro per produrre un chilo di farina: dalla semina del mese di ottobre infatti, si giunge al raccolto tra fine giugno e inizi di luglio, seguono poi la trebbiatura, il conferimento al mulino, le fasi della pulizia, del condizionamento, il riposo ed infine la macinazione e la stagionatura.


Oggi la figura del capo mugnaio è lontana dall’icona dell’uomo che, con le braccia “impolverate”, trasporta sulle spalle pesanti sacchi di farina. Il capo mugnaio oggi indossa il camice bianco ed è una figura molto ricercata, considerate le profonde conoscenze di agronomia, merceologia, meccanica, chimica, matematica ed informatica che gli vengono richieste. In altre parole, possiamo dire che oggi il mugnaio è il dottore delle farine il cui lavoro è contraddistinto da passione, impegno, dedizione ma anche dall’amore per lo studio, la ricerca e l’innovazione.


Esempio ne è AmorBimbi, la farina nata per la seconda infanzia e prodotta dal Molino Moras di Trivignano Udinese dopo lunghi studi e ricerche nell’ambito di un progetto durato quattro anni che aveva come obiettivo quello di produrre una farina per la seconda infanzia, ossia per bambini oltre i tre anni d’età.

Il Molino Moras, con oltre 110 anni di storia alle spalle, è oggi un’impresa tutta al femminile, guidata dalla Presidente Nicoletta Moras e dalle figlie Anna Pantanali, responsabile Marketing&Comunicazione, Ricerca&Sviluppo e Sara Pantanali, Responsabile Commerciale&Retail.


AmorBimbi è, tuttavia, il frutto dell’esperienza maturata dal Molino Moras e della collaborazione con enti e ricercatori, come ci racconta Anna ed è il “risultato di tante domande che, in quattro anni di lavoro, hanno finalmente trovato risposta”.


Dal 2017, infatti, il Molino Moras assieme ai propri collaboratori, ha coinvolto nell’ambito del progetto AmorBimbi i tecnici molitori Maurizio e Luca Moni, la tecnologa dott.ssa Stefnia Marzona, il dott. Carlo Brera, senior researcher dell’Istituto Superiore di Sanità, e nel 2020 anche l’ente Certificatore indipendente DNV GL e l’Istituto Universitario Isia Roma Design.


Secondo le informazioni scientifiche attualmente a disposizione, le micotossine possono causare intossicazioni alimentari che colpiscono sia gli animali nutriti con mangimi contaminati, sia l’uomo, attraverso il consumo di alimenti esposti a contaminazione.


Ed è evidente che, dal punto di vista dell’alimentazione, non è corretto considerare, come è attualmente a livello normativo, i bambini della seconda infanzia alla stregua di un consumatore adulto. Inoltre, l’importanza di disporre di una farina sana, dedicata alla seconda infanzia, è dovuta anche in considerazione della quantità di pane e pasta e derivati che i ragazzi dai 4 ai 9 anni assumono.


Così è nato il progetto di AmorBimbi volto alla creazione di una farina capace di garantire ai bambini di età superiore ai 3 anni un alto livello di sicurezza alimentare, tenendo conto sia dei limiti massimi tollerabili di alcuni contaminanti, che delle soglie tossicologiche di riferimento fissate da organizzazioni europee e internazionali.


AmorBimbi è, infatti, una farina con caratteristiche igienico-sanitarie più stringenti rispetto alle farine biologiche e spesso anche rispetto a quelle per la prima infanzia.


La farina AmorBimbi gode di ben quattro certificazioni una ISO e altre tre Specifiche Tecniche di Prodotto che certificano la riduzione dell’80% di micotossine (contaminanti naturali prodotti da muffe o funghi, presenti nel grano e nella farina) rispetto al limite massimo fissato per legge dall’Unione Europea e l’assenza di utilizzo di glifosato e pesticidi nel processo produttivo.


Ovviamente AmorBimbi è indicata anche per un consumatore adulto e nella terza età e trattandosi di una farina forte, è particolarmente adatta alla preparazione di lievitati dolci e salati, che necessitano di lunghe lievitazioni e maturazioni in frigo.


La filiera corta, certificata e regionale (Friuli Venezia Giulia), assieme alle rigide scelte di sostenibilità ambientale sono riconoscibili anche attraverso il packaging scelto. Attraverso il linguaggio contemporaneo delle immagini, soli 5 pantoni di colore dai toni accesi e vivaci, il packaging di AmorBimbi, 100% plastic-free, comunica con semplicità e immediatezza i principi della sostenibilità del Molino Moras.


La farina AmorBimbi, infine, non lascia solo il “giovane” consumatore dopo l’acquisto: con l’acquisto del cofanetto AmorBimbi è possibile scaricare gratuitamente l’e-book interattivo “Adriano Chicco di Grano” edito da MIMebù che narra l’avventura di un chicco di grano in tutte le fasi di crescita e trasformazione, dal campo al mulino fino a diventare pane; inoltre, sul sito del Molino Moras, sono disponibili molte indicazioni e suggerimenti per l’utilizzo corretto di tutte le farine prodotte.

Riproduzione vietata